Aggregatore di notizie e comunicati stampa.

martedì 29 aprile 2008

Le pedane vibranti

La pedana vibrante è un attrezzo ormai alla portata di tutti, ma chi ha inventato questo fenomenale attrezzo sportivo? La ricerca sull'uso delle vibrazioni ebbe inizio proprio per scopi medici, i primi studi di devono ad un dottore di nome Whedon che nel 1959, usò un letto vibrante di sua invenzione su persone costrette a letto da ingombranti gessi e altre mobilità forzate. L'idea iniziale era quella di evitare le piaghe, ma si accorse di un incremento della densità ossea e di un miglioramento della muscolatura per poi allargarsi, con studi successivi, ad altre applicazioni come lo sport, l'estetica e il benessere.



Un prolungato periodo di inattività forzata, quali ad esempio gessi, decorsi post operatori, malattie; possono indebolire significatamene

L'apparato locomotore e quindi muscoli ossa tendini cartilagini, rendendo lentissimo e a volte difficilissimo il totale recupero.


Con l'uso della pedana vibrante (utilizza lo stesso sistema degli elettrostimolatori) in moltissimi test scientifici, sono stati registrati risultati assolutamente positivi nella riabilitazione fisioterapica e contro l'atrofia muscolare, proprio quei problemi tipici di chi ha subito un trauma, un infortunio o una operazione chirurgica che lo ha tenuto a letto per un lungo periodo di tempo.



In generale si può dire che le pedane vibranti sussultorie verticali possono essere utilizzate per aiutare a risolvere i seguenti problemi fisioterapici: Atrofia o ipotonia muscolare, pubalgia, problemi al tendine d'Achille, riabilitazione del ginocchio, atrofia o ipotonia muscolare, sclerodermia, sclerosi multipla, osteoporosi, spondilosi, ecc



Studi clinici condotti su pazienti con traumi dei nervi periferici e contratture articolari hanno dimostrato l'efficacia del trattamento con vibrazione accompagnato a metodi di trazione classica (Levitskii e coll., 1997). Recentissimi esperimenti hanno evidenziato un rimarchevole miglioramento della flessibilità della colonna vertebrale e dei muscoli flessori della gambe dopo trattamento vibratorio.



Questo metodo, in modo inequivocabile, si è dimostrato essere di gran lunga più efficace dei metodi tradizionali quali quello balistico, quello passivo, quello statico ed il PNF (Bosco e coll. in stampa, 2001).



Inoltre, grazie all'uso della pedana si ha oltre ad un vero e proprio miglioramento della situazione clinica, la stimolazione vibratoria ha fatto registrare un miglioramento della soglia del dolore sul 69% dei pazienti trattati.


Le pedane vibranti, nelle varie sezioni del sito di articoli sportivi shop sport si dividono in varie categorie:


Fitness PEDANE VIBRANTI

Fitness Pedana vibrante

Fitness Pedana vibrante basculante

Fitness Pedana vibrante professionale

FITNESS PEDANE VIBRANTI VIBROMASSAGGIATORI

Fitness Attrezzi Pedane Vibranti


Giovanni Magno

IX Festival Internazionale di Bande Musicali: un successo a Giulianova (Te)



Stessa formula anche per l’edizione del 2009

Strepitosa presenza di pubblico per la Banda della Marina Militare



Numeri da primato per la nona edizione del Festival Internazionale di Bande Musicali andato in scena a Giulianova dal 19 al 22 aprile 2008.
Settecento tra musicisti, direttori e accompagnatori, sei Alberghi per l’accoglienza insieme a due Villaggi turistici, tredici gli autobus per l’accompagnamento dei gruppi da Roma a Giulianova e altrettante le navette per il trasferimento dei musicisti dagli alloggi fino ai luoghi delle esibizioni.
Cifre importanti anche sotto il profilo turistico. Sono arrivati a Giulianova, appositamente per il Festival, circa cinquanta camperisti. Presenze in particolare da Caserta, Terni, Roma e Firenze, mentre tre pulman sono giunti da Ferrara e Fidenza. Difficile poi contare le presenze abruzzesi nella giornata di domenica, quando le bande hanno sfilato sul lungomare tra due ali di folla festante. Di certo è che, nei giorni del Festival, l’ufficio turistico ha distribuito oltre mille tagliandi, messi a disposizione dall’organizzazione che davano diritto a sconti in ristoranti, negozi e alberghi di tutta Giulianova. Numeri significativi anche sul fronte dell’informazione. La Rassegna internazionale ha avuto un grande spazio su tutti i quotidiani locali, mentre Rai 1 con le telecamere di Festa Italiana è stata presente per ben due giornate, sabato 19 e lunedì 21. Servizi e speciali sono stati mandati in onda dal Tg3 Abruzzo, dal TG2, da Rai News 24, mentre una sintesi della parata inaugurale registrata da Rete 8 e TVSei è stata trasmessa anche su Sky. E infine grande successo per il sito internet che dal mese di febbraio ha registrato oltre diecimila contatti.
.

Alfonso Aloisi
alfonsoaloisi@virgilio.it

lunedì 28 aprile 2008

MSM: mostra itineranerante ispirata ai quadrati magici SATOR

MSM e Italian Life: mostra itinerante quadrati magici SATORIl Magic Square Museum (MSM) organizza una mostra itinerante ispirata ai quadrati magici SATOR. Prima tappa nell'isola Italian Life dal primo maggio al 30 giugno.

Ripensatevi per un attimo mentre sedevate tra i banchi di scuola. Cercate di ricostruire mentalmente un'ora di matematica: ricorderete pochissimi studenti interessati e molti annoiati, distratti, assenti.
Eppure la matematica è essenziale in una società basata sulla ricerca scientifica e sull'inf ormatica.
Inoltre la matematica è nata a braccetto con la filosofia ed in seguito ha accompagnato la religione e la magia.
Dati i presupposti, perché oggi la matematica deve annoiare o non dare spunti di interesse.

Magic Square Museum (MSM) nasce in Second Life (ospitato dall'isola di Vulcano) con questo intento: creare interesse per un argomento matematico misterioso e affascinante come i Quadrati Magici.
Fotografi, artisti e appassionati hanno abbracciato il progetto e fornito, dapprima il loro punto di vista che si è poi concretizzato in interessanti apporti.
MSM ha deciso di trasformare la sezione dedicata ai Quadrati Magici SATOR in una mostra Second Life itinerante.

La prima tappa sarà nell'isola italiana realizzata con particolare sensibilità per la resa grafica: Italian Life.
La mostra sarà visitabile dal primo maggio al 30 giugno al seguente slurl
Italian Life (79, 122, 20).

Troverete le successive tappe in famose land di lingua inglese e spagnola e, a richiesta, siamo molto interessati ad allestire una mostra non virtuale ma reale.

Cosa sono i Quadrati Magici?
Visita MSM!
MSM in Second Life - Vulcano (89,35,25)
sito MSM www.magic-square-museum.com
wiki MSM

Cosa sono i Quadrati Magici SATOR?
Visita la mostra itinerante!
Italian Life (79, 122, 20)

Magic Square Museum
www.magic-square-museum.com
info (at) magic-square-museum.com
La locandina ufficiale dell'evento è stata creata da Grafiche Valle d'Aosta
http://magic-square-museum.com/MSM-Italian-Life-Magic-Square-SATOR.pdf.

domenica 27 aprile 2008

A marina di Camerota dal 1 al 4 maggio “ Italia Salus” Il benessere a tutto campo


Nella splendida cornice del villaggio turistico Blu Marine si svolgerà una quattro giorni piena di eventi che gravitano nel concetto olistico del benessere. Un modo alternativo di trascorre il “ponte del primo maggio”.

Cosa significa vivere bene?
È questa la domanda alla quale si tenterà di dare risposta nell’evento “ Italia Salus”che si terra a marina di Camerota nella splendida cornice del villaggio turistico Blu marine.
Non solo cura del corpo, ma anche gratificazione della mente e dello spirito.
La quattro giorni, sarà densa di attività, che vanno dalla ginnastica, al ballo dalle degustazione di prodotti tipici e vini di qualità, alla presentazione di libri e convegni tematici sulle energie e filosofie orientali.
Una esperienza che permetterà ai partecipanti di ricevere un contato diretto con differenti scuole di pensiero e stili di comportamento e di vita.
Nell’abito della manifestazione avverranno una serie di incontri coordinati da Giuseppe Maria Galliano: tra i quali con : Felice De Martino autore della” La buona Sorte “ edito da Pironti, uno dei successi editoriali degli ultimi mesi, un intrigante romanzo con vene misteriche e d’azione con un finale imprevedibile .
Maria Rosaria Balbi autrice de “ La viandante nel Mare di Nebbie “ edito dalle edizioni Tau, un romanzo storico, che molto probabilmente, diverrà il soggetto di un film di prossima produzione.
Margherita Vicinanza. ricercatrice di Psiconutrizione, che dopo il successo su Rai Utile presenta una nuova scienza che sarà illustrata con un seminario ed un libro .
Pacifico Gammella ideatore della N.B.C. una innovativa proposta di visione della vita ed ottenimento del benessere.
Guglielmo De Martino Autore di un libro “ Shiatsu: un massaggio nel vuoto” un saggio sullo Shiatsu ed una sua rivisitazione con la creazione di un metodo esclusivo (MES) e di grande efficacia.
Blinda Villanova autrice di un interessante testo sulle acque minerali e le loro proprietà curative.
Alle 21.30 de 2 maggio sia i personaggi precedentemente ,unitamente ad altri, saranno ospiti dello speciale Wine Bar Show dal sottotitolo” Salus Bar, incontro con il benessere”.
Il format sempre condotto da Giuseppe Maria Galliano con Alesia Tufano andrà in onda sul solito circuito di emittenti che potrete trovare sul sito del format.( http://www.winebarshow.it/)
Nei giorni della manifestazione, vi sarà la possibilità di partecipare a decine di esperienze di ballo, fitness, cure olistiche, seminari sulla comunicazione interpersonale , le bio energie e tanto altro ancora.
Chi fosse interessato nel partecipare con modalità di mezza pensione al prezzo speciale di 150 euro tutto compreso potrà prenotarsi allo 081 28 92 21

Questo lo spirito dell’iniziativa:
A qualsiasi età è bello occuparsi del benessere dell'animo nostro.
Questo il decalogo
Bellezza :Sei un riflesso dell’armonia di Dio. Cura il tuo Corpo, la tua Mente, la tua Anima.
Crescita e vita sana Giorno per giorno, costruisci il tuo stare bene con Te stesso e con gli Altri.
Alimentazione Mangia per vivere, non vivi per mangiare. Se vuoi vivere bene, mangia bene.
Movimento Ricerca il piacere funzionale di muoverti, passeggiare, fare sport.
Apprendimento Allena e nutri la tua Mente con la stessa cura del Corpo.
Natura La Natura è vita. Trattala con amore, come la Persona più cara che hai.
Ottimismo Fai ciò che desideri e desidera di fare ciò che fai. Abbi fiducia in Te e negli Altri.
Rispetto Non fare agli Altri ciò che non vuoi sia fatto a Te.
Solidarietà e Sicurezza Dedica la stessa attenzione ai problemi degli
Tecnologia Impara ad usare gli strumenti e le tecnologie che l'evoluzione sociale ti mette disposizione ,bene e per il Bene
Per saperne di più visita: http://www.italiaxilmondo.it/home.htm

sabato 26 aprile 2008

Bari - Trio ‘ Giuseppe Russo Rossi, Angelo Montanaro, Viviana Velardi ’: Un successo tutto pugliese


Appuntamento di successo quello di martedì 22 aprile nell’ambito della 66° stagione della Camerata Musicale Barese. Di scena presso il Nuovo Palazzo di Bari il Trio formato dal violista Giuseppe Russo Rossi, dal clarinettista Angelo Montanaro e dalla pianista Viviana Velardi, tutti talentuosi musicisti della nostra terra pugliese.

Articolato e impegnativo il programma della serata che ha i visto i tre interpreti alternarsi sia in formazione di duo che di trio.

Il concerto si è aperto con la Rapsodia per clarinetto e pianoforte (1911) di Claude Debussy, opera scritta nel 1909 per un concorso bandito dal Conservatorio di Parigi e subito dopo orchestrata dallo stesso compositore. Opera testimonianza del periodo più fiorente dell’impressionismo musicale articolata in un unico movimento nel quale il clarinetto è trattato con un estrema varietà di movenze ritmiche e melodiche ed è impegnato in cadenze altamente virtuosistiche.

Elegante, ben calibrata e timbricamente carica di sensualità l’interpretazione del duo Montanaro – Velardi.
Una prima esecuzione per la Camerata Barese quella del Concertstück (1906) per viola e pianoforte del compositore rumeno George Enescu eseguito dal violista Giuseppe Russo Rossi. Più conosciuto per le sonate per violino, Enescu appartiene a quella schiera di compositori nei quali si fonde mirabilmente l’amore per la musica popolare del proprio paese con la grande tradizione musicale occidentale.

Intensa e trascinante l’esecuzione del duo Russo Rossi –Velardi i quali hanno poi proposto con deciso piglio la celeberrima Sonata in fa maggiore op.11 n.4 (1919) per viola e pianoforte di Paul Hindemit, compositore con una particolare predilezione per la viola e appassionato studioso delle opere di Claude Debussy. Innegabile il tipico colore ‘impressionista’ di questa partitura, dalla struttura formale particolarmente interessante. Concepiti senza soluzione di continuità, i tre tempi della Sonata in fa maggiore si configurano infatti come una fantasia, una serie di variazioni ed un movimento in forma sonata. La Fantasia iniziale fu concepita in principio come movimento autonomo. In una successiva elaborazione il compositore creò un collegamento diretto tra il primo ed il secondo movimento, prescrivendo, per il tema di quest’ultimo, la ‘semplicità’ «di un canto popolare».

Ma è il movimento conclusivo, con il suo duplice aspetto di forma-sonata e serie di variazioni, a costituire la sezione più ‘anomala’ della partitura, con la beffarda prescrizione, nel fugato della sesta variazione, di eseguire il tema con «bizzarra pesantezza».
A conclusione della prima parte ancora una prima esecuzione per il pubblico della Camerata Barese, i Tre Pezzi op.83 per viola, clarinetto e pianoforte di Max Bruch, brani dal carattere espressivo oltre che tecnicamente molto impegnativi.

Di diverso respiro la seconda parte del concerto che si è aperta con l’accesa e trascinante esecuzione del trio Märchenerzählungen (Narrazioni di Fiabe) op.132 (1853) di Robert Schumann, quattro deliziose “miniature” intrise di mistero, poeticità e slancio romantico.
Conclusione della serata con il brioso Kegelstatt-Trio K498 di W.A.Mozart. Il nome “Trio dei Birilli” sarebbe da attribuirsi ad una testimonianza secondo la quale il brano sarebbe stato composto durante una partita a birilli. È certo comunque che il Trio abbia visto la luce per un’esecuzione privata in casa della famiglia Jacquin; ne sarebbero stati esecutori la giovane Franziska (allieva di Mozart) al pianoforte, il virtuoso Anton Stadler al clarinetto e lo stesso Mozart alla viola.

I tre musicisti hanno raggiunto un grado di impeccabile fusione sul piano sonoro e ancor più su quello interpretativo regalando al pubblico presente in sala una serata di grande emozione.
Calorosissimo successo e un bis.

Alessandra Stallone

venerdì 25 aprile 2008

GIRO D’ITALIA A VELA A GIULIANOVA (TE) ANCHE PER IL 2008




PREPARATIVI PRESSO IL CIRCOLO NATURICO “V. MIGLIORI”

SODDISFATTO IL PRESIDENTE AVV. MARCO MARIA FERRARI


Anche quest’anno Cino Ricci, famoso skipper di Azzurra nell’indimenticabile Coppa America del 1983, porterà il Giro d’Italia a Vela a Giulianova. Ed è sicuramente un’ottima notizia giacchè, anche nelle precedenti edizioni, la cittadina giuliese ha vissuto dei momenti di sport e di grande visibilità. Ovviamente tutto il Direttivo del Circolo Nautico “Vincenzo Migliori” è soddisfatto di questa conferma che pone il porto di Giulianova al centro dell’attenzione non solo nazionale. L’avv. Marco Maria Ferrari così parla dopo aver appresa la notizia confermata a mezzo fax: “In sintonia con quanto programmato nella scorsa edizione, l’amico Cino Ricci porterà a Giulianova il Giro d'Italia a vela anche per il 2008, nei giorni 28 e 29 giugno ed è per noi motivo di grande gratificazione. Il Circolo Nautico "Vincenzo Migliori" –sottolinea l’avv. Ferrari- fornirà il necessario supporto tecnico e logistico per il ricevimento delle imbarcazioni, dei regatanti e della carovana, compreso lo svolgimento delle importanti manifestazioni collaterali al seguito del Giro d'Italia a vela. Tra l’altro –continua Marco Maria Ferrari- si è rinnovato l'impegno del comitato organizzatore presieduto dal Consigliere Regionale Antonio Macera e del quale fanno parte il Sindaco di Giulianova Claudio Ruffini, il Presidente dell'Ente Porto avv. Pierangelo Guidobaldi ed il sottoscritto quale presidente del Circolo Nautico "V. Migliori", allo scopo di dare concreto seguito ad una manifestazione di rilevanza nazionale che dà lustro alla Città di Giulianova ed alla Regione Abruzzo”. L’avv. Ferrari conclude dicendo: “Siamo pertanto certi che anche quest'anno non mancherà l'indispensabile sostegno della Regione Abruzzo e delle altre Istituzioni locali per far sì che Giulianova si riconfermi ancora quale "Porto della Vela", come ebbe ad affermare già nella scorsa edizione il Presidente della Regione on. Ottaviano Del Turco”. L’edizione di quest’anno inizierà da Sistiana, frazione del comune sparso di Duino-Aurisina, per poi toccare Marina di Ravenna. Quindi la tappa Marina di Ravenna-Cattolica e poi la Cattolica-Giulianova di 95 miglia (partenza sabato 28 giugno con arrivo domenica 29 giugno). Successivamente ci sarà la Giulianova-Bisceglie di 150 miglia (partenza lunedì 30 giugno con arrivo in Puglia il giorno successivo). Il Giro d’Italia a Vela si concluderà, dopo un mese dalla partenza, domenica 20 luglio con la regata di Ostia. Per domenica 29 giugno è prevista una serata di spettacolo sulla banchina di riva del porto con allestimento di un Villaggio Promozionale.

Alfonso Aloisi
alfonsoaloisi@virgilio.it



Camminata nei vigneti dell’ Oltrepo Pavese

Oggi sul portale di promozione turistica dell'Oltrepò Pavese sulle google maps OltrepEAT abbiamo aggiunto la proposta per i week-end di Aprile e Maggio dell'Agriturismo Piccolo Bacco dei Quaroni: Camminata nei vigneti dell’ Oltrepo Pavese
Ore 10.00: Ritrovo in cantina e colazione di benvenuto con crostate e torta di meleCamminata nei vigneti- dalla cantina a Montu’ Beccarla, circa 2 ore di cammino attraverso i vignetiOre 12.30: Tutti sul carro e rientro in aziendaOre 13.00: Pranzo all’agriturismoNel pomeriggio visita alla cantina e assaggio dei viniE per quelli che...."aprile dolce dormire" vi aspettiamo alle 13.00 per il pranzo. Consultate il menu' : http://www.piccolobaccodeiquaroni.it/html/menu.htmlIl trekking è organizzato per gruppi di almeno 10 persone€.26,00 per persona, vini esclusi Bambini minori di 10 anni €. 18,00Solo il pranzo €.23,00 per persona, vini esclusi.
Il numero minimo è di 10 adesioni

Manifestazioni in Oltrepò Pavese organizzate da Varzi Viva

Oggi sul portale di promozione turistica dell'Oltrepò Pavese sulle google maps OltrepEAT abbiamo aggiunto la serie di manifestazioni che l'Associazione Varzi Viva ha organizzato per la stagione 2008 denominata "Tra Cultura e Natura", Luoghi ed eventi per connettere turismo, cultura e ambiente.

“Tra Cultura e Natura” racchiude quanto l’Associazione "Varzi Viva" propone per i prossimi mesi in un mix suggestivo di originalità, cultura, tradizione locale e qualità artistica.Un caleidoscopio di iniziative che animano la stagione turistica varzese, offrendo qualità, curiosità, motivi di interesse e occasioni di vacanza nel segno dei gusti e delle esigenze di ognuno.

Sul portale OltrepEAT potrai vedere gli Eventi organizzati dall'Associazione Varzi Viva sulle google maps che ti consentiranno di costruire immediatamente l'itinerario che da casa tua ti porterà direttamente al luogo dell'evento

giovedì 24 aprile 2008

MONTEBELLO (FORZA ITALIA) FA IL PUNTO SULLA SITUAZIONE POLITICA A GIULIANOVA


“ALLE AMMINISTRATIVE POSSIAMO VINCERE”

Il dott. Flaviano Montebello, coordinatore di Forza Italia di Giulianova, fa il punto sulla situazione in merito alla realtà giuliese soprattutto in vista delle elezioni amministrative che si terranno a primavera del prossimo anno. Così esordisce la nota: “La splendida vittoria del Popolo della Libertà, frutto di un capolavoro politico del Presidente Berlusconi, ci ha deliziato. Finalmente sentiamo di vivere in un Paese “normale” con due grossi partiti come nelle democrazie più avanzate e con la rappresentanza parlamentare negata a comunisti e verdi che, con i loro dinieghi e con i loro tabù politici, avevano condotto l’Italia a fanalino di coda dell’Europa”. Quindi Montebello analizza i risultati elettorali che riguardano più da vicino Forza Italia: “Il nostro Coordinatore Provinciale Paolo Tancredi è stato eletto meritatamente Senatore, grazie ad un grande impegno in campagna elettorale con decine di migliaia di voti di abruzzesi, i quali gli hanno riconosciuto il proprio impegno politico ed amministrativo che vale, la pena ricordarlo, è iniziato con l’elezione a Consigliere al Comune di Teramo e proseguito con la doppia elezione in Consiglio Regionale dove nella giunta Pace ha anche ricoperto l’incarico di Assessore”.
Questa riflessione appare come una risposta indiretta al consigliere di Forza Italia Mimì Di Carlo che aveva giudicato l’elezione di Paolo Tancredi come “una nomina a senatore per grazia ricevuta”.
La note del dott. Flaviano Montebello così continua: “I cittadini giuliesi chiedono oggi al Popolo della Libertà ed ai potenziali partiti alleati, un grande impegno per arrivare ad un successo elettorale anche alle prossime elezioni comunali, soprattutto considerando che solo 250 voti ci dividono dal Partito Democratico.
Forza Italia, in modo compatto con il suo gruppo dirigente eletto all’unanimità dall’Assemblea degli iscritti, ritiene utile – continua Montebello- proporre ai partiti alleati (Alleanza Nazionale- UDC – La Destra) ed alle Associazioni di riferimento, un percorso per la scelta del Candidato Sindaco che veda in un primo momento, e comunque entro la fine di giugno, la ricerca di una personalità esterna ai partiti.
Trascorso infruttosamente tale termine, ogni gruppo proporrà una propria candidatura politica, su una delle quali dovrà trovarsi una indicazione unitaria anche attraverso elezioni primarie se necessarie”.
Il documento così conclude: “Forza Italia in vista degli importanti impegni che attendono il Partito, in attesa della organizzazione dei quadri dirigenti del Popolo della Libertà, ha ampliato il proprio quadro dirigente con la nomina a vice Coordinatore di Carmine Martelli che affiancherà gli altri due vice Coordinatori Iole del Re e Cesare Cordivani”.

Alfonso Aloisi
alfonsoaloisi@virgilio.it

MONTEBELLO (FORZA ITALIA) FA IL PUNTO SULLA SITUAZIONE POLITICA A GIULIANOVA

“ALLE AMMINISTRATIVE POSSIAMO VINCERE”

Il dott. Flaviano Montebello, coordinatore di Forza Italia di Giulianova, fa il punto sulla situazione in merito alla realtà giuliese soprattutto in vista delle elezioni amministrative che si terranno a primavera del prossimo anno. Così esordisce la nota: “La splendida vittoria del Popolo della Libertà, frutto di un capolavoro politico del Presidente Berlusconi, ci ha deliziato. Finalmente sentiamo di vivere in un Paese “normale” con due grossi partiti come nelle democrazie più avanzate e con la rappresentanza parlamentare negata a comunisti e verdi che, con i loro dinieghi e con i loro tabù politici, avevano condotto l’Italia a fanalino di coda dell’Europa”. Quindi Montebello analizza i risultati elettorali che riguardano più da vicino Forza Italia: “Il nostro Coordinatore Provinciale Paolo Tancredi è stato eletto meritatamente Senatore, grazie ad un grande impegno in campagna elettorale con decine di migliaia di voti di abruzzesi, i quali gli hanno riconosciuto il proprio impegno politico ed amministrativo che vale, la pena ricordarlo, è iniziato con l’elezione a Consigliere al Comune di Teramo e proseguito con la doppia elezione in Consiglio Regionale dove nella giunta Pace ha anche ricoperto l’incarico di Assessore”.
Questa riflessione appare come una risposta indiretta al consigliere di Forza Italia Mimì Di Carlo che aveva giudicato l’elezione di Paolo Tancredi come “una nomina a senatore per grazia ricevuta”.
La note del dott. Flaviano Montebello così continua: “I cittadini giuliesi chiedono oggi al Popolo della Libertà ed ai potenziali partiti alleati, un grande impegno per arrivare ad un successo elettorale anche alle prossime elezioni comunali, soprattutto considerando che solo 250 voti ci dividono dal Partito Democratico.
Forza Italia, in modo compatto con il suo gruppo dirigente eletto all’unanimità dall’Assemblea degli iscritti, ritiene utile – continua Montebello- proporre ai partiti alleati (Alleanza Nazionale- UDC – La Destra) ed alle Associazioni di riferimento, un percorso per la scelta del Candidato Sindaco che veda in un primo momento, e comunque entro la fine di giugno, la ricerca di una personalità esterna ai partiti.
Trascorso infruttosamente tale termine, ogni gruppo proporrà una propria candidatura politica, su una delle quali dovrà trovarsi una indicazione unitaria anche attraverso elezioni primarie se necessarie”.
Il documento così conclude: “Forza Italia in vista degli importanti impegni che attendono il Partito, in attesa della organizzazione dei quadri dirigenti del Popolo della Libertà, ha ampliato il proprio quadro dirigente con la nomina a vice Coordinatore di Carmine Martelli che affiancherà gli altri due vice Coordinatori Iole del Re e Cesare Cordivani”.

Alfonso Aloisi
alfonsoaloisi@virgilio.it

mercoledì 23 aprile 2008

IL GRUPPO AMADORI ABBATTE UNA QUERCIA SECOLARE

LEGAMBIENTE:”RIEQUILIBRARE DANNO ATTRAVERSO PIANTUMAZIONE
L'AZIENDA DICHIARA DI ESSERE IN POSSESSO DEI RELATIVI PERMESSI
Tutto è partito da una segnalazione da parte di un socio del Circolo Legambiente di Giulianova. I fatti risalgono a qualche tempo fa quando è stata abbattuta una quercia secolare nell’area prospiciente lo stabilimento Amadori di Mosciano Sant’Angelo. Il Circolo Legambiente di Giulianova comunica che il taglio è avvenuto ad opera della stessa azienda avicola. Appresa la notizia, il Direttivo del Circolo Legambiente di Giulianova ha inviato una nota all’azienda del Gruppo Amadori per chiedere spiegazioni su quanto avvenuto. Non si è fatta attendere la replica a firma della dott.a Francesca Amadori che ha dichiarato: “Ho preso atto che nel corso degli interventi di ampliamento dello stabilimento di Teramo, nostro malgrado, siamo stati costretti ad abbattere la quercia a cui si fa riferimento. In effetti abbiamo provato ad adottare delle soluzioni che potessero evitarne l'abbattimento ma, vincoli di carattere progettuale, non ce lo hanno consentito. Abbiamo, comunque, acquisito tutti i pareri e le autorizzazioni necessari prima di intervenire. Mi creda, è dispiaciuto molto anche a noi abbattere la quercia che sin dall'inaugurazione dello stabilimento rappresentava un simbolico punto di riferimento".Il Presidente del Circolo Legambiente di Giulianova dott.a Francesca Morgante, preso atto del dispiacere condiviso, ha chiesto con fermezza di riequilibrare il danno ambientale con un’opera di rimboschimento in un’area pubblica, rendendosi disponibile ad attivare tutte le procedure del caso.
La dott.a Francesca Morgante ha sottolineato l'importanza della presenza di un Circolo di Legambiente che nel territorio giuliese può rappresentare un protagonista attento alla tutela ambientale a vantaggio della collettività.

Alfonso Aloisi
alfonsoaloisi@virgilio.it


Eurotech in anteprima al BIAS 2008 con la nuova linea completa di soluzioni per l'automazione industriale

Eurotech: Panel PC & ZypadEurotech Italia presenterà alla prossima manifestazione BIAS 2008 (Pad. 9 Stand L21) la nuova gamma completa di soluzioni per l'Automazione Industriale. Soluzioni che vanno dai Panel PC, ai Box PC, Monitor, Boards Embedded, Wearable Computers, People Counter e, in anteprima nazionale, nuove soluzioni tecnologiche ed innovative sviluppate dal Gruppo.

Il Gruppo Eurotech, con le sue dodici aziende e i circa 600 dipendenti divisi equamente fra Europa, America e Asia, si presenta oggi come una piccola multinazionale quotata i n borsa, leader di mercato nella realizzazione di sistemi embedded ad alta integrazione tecnologica. E' da notare che un terzo del personale è impegnato in attività di ricerca e sviluppo. La capogruppo ha sede ad Amaro, in provincia di Udine, dove si trovano anche la Direzione Generale e il coordinamento delle attività di Ricerca e Sviluppo. Nella stessa sede sono organizzate anche le strutture di Marketing & Sales ed R&D di Eurotech Italia, azienda italiana del gruppo focalizzata su due Business Unit: "Transportation & Defence" e "Industrial & Commercial". Quest'ultima, forte di un'acquisizione di un'azienda storica attiva nel settore dell'automazione industriale da oltre 25 anni, con stabilimento di produzione a Varese, e grazie ad un team tecnico-commerciale con elevato know how, si presenta alla prossima manifestazione BIAS 2008 con la nuova linea di soluzioni marchiate Eurotech, dedicate all'Automazione Industriale.
Con una nuova immagine, una nuova struttura commerciale ed una gamma di prodotti completamente nuovi, Eurotech presenterà al prossimo Bias 2008, al Padiglione 9, Stand L21 due prodotti in anteprima nazionale.
Infatti verrà esposta una soluzione che rappresenta l'ultima frontiera tecnologica nel settore degli embedded PC, dando così una dimostrazione dei traguardi della tecnologia del Gruppo negli embedded computer.
Altra novità, caratterizzata da una collaborazione con un partner importante nel mondo dell'automazione industriale,è una soluzione per il controllo e la supervisione di macchine e impianti.
A queste due anteprime si affianca la nuova famiglia di Panel Computer Tech One. Ampia offerta di configurazioni sia per le piattaforme hardware proposte, che può essere basata su microprocessori Risc o x86, sia per l'ampia scelta degli LCD, dal più piccolo, per applicazioni che richiedono alta affidabilità in spazi contenuti, con tagli di display da 5.7" , 6.5" e 8.4"; a quelli più grandi per applicazioni che richiedono maggiore area di visualizzazione con tagli da 12.1", 15" e 17". Tutte le configurazioni possono avere il touch screen resistivo.
Il Panel PC VH-50R , con display da 5.7", ha un processore Intel PXA 255 a 400 Mhz (disponibile anche con processore PXA 270 a 520 MHz), a basso consumo e ridotta dissipazione di calore, caratteristiche ottimali per applicazioni domotiche con installazioni a muro, grazie all'apposita cassetta della Bticino.
Il catalogo Industrial PCs si completa con la gamma dei BOX PCs e dei Monitor Industriali, che offrono entrambi un'ampia scelta di configurazioni per coprire la maggior parte delle esigenze del settore.
All'interno dello stand sarà possibile visionare anche alcuni prodotti della vasta gamma proposta dal Gruppo Eurotech.

per maggiori informazioni:
Giuliana Vidoni
welcome@eurotech.it
tel 0433 485411
www.eurotech.com

martedì 22 aprile 2008

Alla Fondazione Vico “I colori del 68”

Dal 24 Aprile all’11 Maggio, nel cuore della Napoli antica, a via San Biagio dei Librai 35 la Fondazione Gianbattista Vico, presieduta dal Professor Vincenzo Pepe, ospita nella Chiesa di San Biagio Maggiore “I COLORI DEL 68”, la mostra itinerante curata da Beppe Palomba per l’Accademia della Bussola che fa tappa a Napoli in occasione del Maggio dei Monumenti.
“I colori del 68” vuole essere, più che la celebrazione di un anno spartiacque, l’occasione per una riflessione per gli Artisti ma ancor più per il pubblico dei visitatori, sul come eravamo, sul come siamo diventati, su cosa ci ha lasciato il Sessantotto.
La “fantasia al potere”, il “fate l’amore non fate la guerra”, gli eskimo, i tazebao, gli slogan e i totem di una intera generazione cosa dicono oggi?
In un’ottica che vuole ricondurre i fatti e le parole di quel periodo a una dimensione più intimista, gli Artisti sono presenti, oltre che con le loro opere, con dei pannelli che riportano una loro foto dell’epoca e una loro interpretazione del tema come in una pagina di diario, o in una lettera lasciata a testimonianza. I loro pensieri, i loro ricordi diventano così parte integrante di un progetto che vuol raccontare una generazione.
Il percorso della Mostra sarà completato dalla prossima pubblicazione di un libro che riporterà i materiali esposti e gli scritti, arricchiti dai contributi di poeti, scrittori, letterati, in modo da costituire una testimonianza non solo a livello di catalogo d’arte ma anche di reportage tra pubblico e privato, tra Storia, cronaca e sentimenti.
Tra gli Autori delle opere esposte Ariane Schuchardt, Valeria Ballestrazzi, Marcello Ursomando, Elena Cicchetti, Umberto Gorirossi, Mary Palomba, Carmen Galbiati, Elio Gervasi, Raffaella Corcione, Alberto Fontanella, Tommaso Tucci, impegnati in una rilettura talvolta critica, talaltra nostalgica dei miti della gioventù sessantottina.
L’evento Giovedì 24 Aprile sarà aperto alle 16 dalla performance di un gruppo di studenti del Liceo Artistico di Napoli che interpreteranno sotto gli occhi dei visitatori i temi più caldi del 68, dalla libertà all’antiautoritarismo. Alle 18 l’inaugurazione ufficiale della Mostra, a cui parteciperanno Artisti e intellettuali, tra cui il Professor De Piscopo, il giornalista Giuseppe Maria Galliano, lo scrittore Felice De Martino.

lunedì 21 aprile 2008

MailUp si integra con Google Analytics

MailUp si integra con Google Analytics

La nuova versione del servizio prevede l’integrazione con i sistemi di Web Analytics, in particolare il sistema professionale ImetriX e quello gratuito Google Analytics, che consentono di tracciare, monitorare e rendere più efficaci le campagne di email marketing.

Aprile 2008 – MailUp continua ad aggiornarsi e a migliorare. La nuova versione permette ora l’integrazione con i sistemi di Web Analytics, per potenziare ulteriormente le campagne di email marketing .

La Web Analytics e’ uno strumento molto importante che analizza le componenti di traffico di un web site, consentendo cosi’ di individuare con precisione tutto cio’ che avviene all’interno di un sito vale a dire le aree visualizzate, il numero dei visitatori, come arrivano al sito, la durata della navigazione, ecc.

Cio’ offre gia’ numerosi vantaggi: si valuta la redditivita’ degli investimenti offrendo utili indicazioni a supporto del processo decisionale, si individuano eventuali errori e opportunita’ di business e si ottimizza la web experience.

La Web Analytics se integrata con campagne di email marketing, come MailUp nella versione 5.8.3, aumenta notevolmente la loro efficacia. Infatti, mediante il supporto di questo strumento di analisi e’ possibile rilevare l’effettivo interesse che una email promozionale desta nei destinatari, il loro ingresso al sito, l’eventuale propensio ne a convertire tale visita in un acquisto o in altri obiettivi e molto altro.

In particolare MailUp e’ stato integrato con il sistema gratuito Google Analytics e con il sistema professionale ImetriX, la prima soluzione italiana di Web Analytics di livello Enterprise che ottimizza l'efficacia delle campagne Adv e dell'e-business.

NWEB SRL
NWEB e’ una societa’ di WEB ENGINEERING e INTERNET MARKETING. Progetta e realizza servizi Internet, portali dinamici e applicazioni per la vendita online, grazie a un potente e flessibile sistema di ecommerce (www.productcart.it). Nata come marchio nel 2000 e come srl nel 2002, ha sede a Cremona e Milano e conta su uno staff di circa 15 persone. Nel settore dell’Email Marketing e della Gestione di Newsletter, e’ tra i leader di mercato con la soluzione professionale multicanale “MailUp” (www.mailup.it), che vede come clienti, tra gli altri: Comune di Venezia, Universita’ IULM, Draft Italy, Gruppo La Perla, Laplink Software, EURO RSCG 4D, Coin.

 

Per informazioni e ma teriali:

NWEB SRL - UFFICIO STAMPA
Elisa Scarso
Via Melchiorre Gioia 72
20125 Milano
Tel 02-71040485
Fax 02-99985606
Email: press@nweb.it

domenica 20 aprile 2008

BARBARA CHIAPPINI PRESENTA ''PALINURO FASHION WEEK''

Un grande evento, due giorni dedicati a tutto ciò che fa tendenza, stile e moda.
L'appuntamento è in Piazza Virgilio per le sere del 25 e 26 aprile ed accoglierà, gli ospiti che lo sceglieranno per il ponte di fine aprile, con mondanità e spettacolo.

L'evento, patrocinato dal Comune di Centola - Palinuro, da Pro Loco Palinuro, Ass.Al.Pa. 2000, Consorzio Costa del Cilento, Palinuro Blu e Ape, è stato ideato dalla Gerry Guerrieri Events sotto la direzione artistica di Carlo Sacchi e dei noti make-up artist e acconciatori campani Grasso Denise per Nefertite Beuty, nonché lo stilista Tony Di Siervo per Avimy Parrucchieri. Il logo dell’evento è realizzato da Giuseppe Fedullo.
L'organizzazione ha curato tutti i minimi particolari: tanti i nomi di spicco, prestigiosa anche la collaborazione di Radio Cosmo2, Photoworld.it di Ermanno Montuori e Inglese Fashion che presenterà le ultime novità per l'estate 2008.
«Abbiamo voluto creare questo evento, spiega Gerry Guerrieri , per far sì che il Cilento e soprattutto Palinuro, ottengano una meritata visibilità, quale teatro di fascino e bellezza, in un momento in cui si parla solo di emergenza rifiuti in Campania e di diossina negli alimenti.
Di attrazioni ne avremo molte a partire dagli ospiti : gli esilaranti "I Ditelo Voi" in arrivo direttamente dalla fortunata trasmissione "Colorado" e da Radio Kiss Kiss
La madrina non poteva non essere una campana Doc :” Barbara Chiappini".
Barbara Chiappini, sarà anche ospite delle riprese del format Wine Bar Show in onda su vari canali Sky e su un circuito di 40 emittenti terrestri. Il format è prodotto da CSD Produzioni in collaborazione con Additivi Televisivi .
“Wine Bar è un luogo del nostro immaginario, ogni volta diverso , ed il vino è un buon compagno, per dialogare di cultura ed arte, e tanto altro, incontrando a cena , in ogni puntata, persone nuove ed interessanti.” Dice Giuseppe Maria Galliano autore e conduttore del format .
Un'ultima chicca: nel corso delle due serate sarà presentata ufficialmente Palinuro. tv, la prima e unica web tv del Cilento

Per contatti tel. 347 9051124 - 328 4218226

Barletta (Bari) - Gli intramontabili POOH con energia e passione rigenerano la canzone ‘Beat’


E’ quasi mezzanotte,…sulle note sfumate di “Non siamo in pericolo”, una moltitudine di gente che attimi prima gremiva il Paladisfida di Barletta, pian piano defluisce verso i cancelli. Termina così l’immancabile appuntamento in Terra di Puglia della più longeva ed amata band italiana: i POOH.

Di anno in anno, senza fallire un colpo, questi intramontabili artisti continuano a riempire palazzetti e teatri in ogni tappa dei loro tour, solcando lo stivale da Sud a Nord. Quest’anno i Pooh presentano una tournee che segue alla recente pubblicazione dell’ultimo album “Beat- ReGeneration” , battezzata col medesimo nome.

Su un palcoscenico illuminato da un gran gioco di luci ma scarno e senza orpelli, dove troneggiano sui lati due pannelli con la scritta che da il nome al tour, Dodi, Roby, Stefano e Red , ieri 19 aprile, ci hanno generosamente regalato tre ore di musica raffinata, fra pezzi storici ed intramontabili, preceduti da otto dei nuovi… che per il vero nuovi non lo sono per nulla… tratti dal loro ultimo album. Con questo lavoro la band ha scelto per la prima volta, d’incidere un intero album fatto di canzoni scritte e cantate da altri, più di 40 anni fa. L’intento è stato quello di farle rivivere ed apprezzare anche dal pubblico dei “figli” dei loro fans storici, che non hanno avuto la fortuna di vivere quello straordinario periodo della storia, e - sottolinea Dodi - non sanno cosa si son persi…!!!

La scelta non è stata facile ma i Pooh hanno voluto interpretare, all’interno della vastissima produzione musicale della fine degli anni ’60, i brani che hanno ritenuto ancora attuali ergendoli a simbolo di una delle pagine indelebili della musica italiana ed anglosassone: lo straordinario movimento dei “BEAT” . “La musica che arriva da lontano, dice Red, ci ha cambiato la vita, regalandone un’altra diversa e più colorata. Noi ci abbiamo creduto e, passo dopo passo, siamo arrivati fin qui grazie anche alla fortuna ed a dei compagni di viaggio straordinari, fedeli ed attenti.”

Tutto è cominciato con “29 settembre” degli Equipe 84 e chissà a quanti, fra pubblico non più giovane degli “anta”, ha sussultato il cuore riportando, con un balzo all’indietro, il ricordo ai tempi entusiasmanti della loro giovinezza, desiderosa di rinnovamento dove la musica beat rappresentava l’inno della nuova generazione piena di speranze.

Il viaggio nella musica che, in fondo, ha segnato anche l’inizio della carriera dei Pooh quando anche loro erano un complesso beat, prosegue con altri sette brani, quali tra gli altri “Che colpa abbiamo noi” e “E’ la pioggia che va” dei Rokes …in rapida successione.
L’omaggio alla miriade dei complessi, oggi quasi del tutto scomparsi, protagonisti di una vera e propria rivoluzione culturale, si conclude con “La casa del sole” ovvero “The house of rising sun” degli Animals, resa celebre in Italia dai Bisonti .

La passione con cui i quattro eterni amici interpretano le loro canzoni, scolpite e rese intramontabili dal loro indiscusso talento, è condivisa da un pubblico caloroso ed appassionato. E’ stato un lungo susseguirsi di 42 canzoni scelte dal ampissimo repertorio dei Pooh. Il termometro della folla vibrante dei fans si è reso incandescente soprattutto sulle note dei pezzi col marchio di fabbrica Pooh: a cominciare da "Piccola Ketty" e per finire con "Grandi speranze" .
Un momento musicale molto apprezzato dal pubblico è stato quello dedicato alla poesia agli strumenti acustici. “Innamorati sempre, innamorati mai” è stata firmata da quel grandioso chitarrista che è Dodi Battaglia mentre, la dolcissima “Pierre”, dal candido pianoforte bianco di Roby Facchinetti

I Pooh solcano i palcoscenici da oltre di 40 anni e le loro voci sono più che mai all’altezza dell’arduo compito.
Il viaggio prosegue con la bellissima “Parsifal” conclusa con effetti speciali, fuochi artificiali e magiche fiamme che fuoriescono dai led.
Il concerto scorre fra l’entusiasmo crescente; sulle ultime note di “Uomini soli” il pubblico si dirige in massa verso il palcoscenico per unirsi idealmente alla band, cantando e saltando su melodie notissime come “Dammi solo un minuto”, “Tanta voglia di lei”, “Pensiero”, e “Chi fermerà la musica”, tanto per citarne alcune.

I Pooh ci hanno fatto sognare col loro fare semplice ed accattivante
Non tutti sanno che il loro nome trae origine dal noto orsacchiotto Winnie e, da più di quarant’anni questi “orsacchiotti” rinnovano il loro immutato e meritato successo sui palcoscenici di tutta Italia ed oltre…

Angela Ronchi

venerdì 18 aprile 2008

Bari - The Niro per niente An Ordinary man


Presentato come “enfant prodige” del panorama cantautoriale è approdato ieri sera alla Feltrinelli di Bari, The Niro, per proporre il suo album d’esordio.

Ma non lasciatevi ingannare dal nome, l’enfant prodige ha 30 anni ed è italianissimo, un romano de Roma, il suo vero nome è Davide Combusti.

Non è per niente il solito cantautore con chitarra in mano, che suona canzoni con soli tre giri di armonica, anzi è una vera rivelazione, piacevole da ascoltare, sia per la sua musica che appare più complessa di quanto si creda poiché spazia e si miscela sapientemente tra i vari generi musicali, dallo swing al blues, dal pop al heavy metal, tanto che i suoni degli strumenti appaiono dinamici fra loro e sia per l’uso della sua voce che dal falsetto sale su fino a raggiungere le note più alte, con semplicità e senza difficoltà fino ad emozionare.

E’ per questo motivo che è difficile collocarlo nel panorama musicale italiano, in primis perché canta in inglese ( un inglese che non fa trasparire la sua italianità) e poi per il suo modo di propagandare la sua musica attraverso canali non convenzionali.

Nello showcase della Feltrinelli, The Niro, insieme alla sua band, ha presentato 5 canzoni dell’album d’esordio, uscito proprio in questi giorni, dal titolo “The Niro” , proponendo i brani : Night Wartz – Mistake – Hollywood – Liar e When your father.


Ma Davide non è un cantautore che sembra essere arrivato adesso nel mondo musicale, anzi parte avendo alle spalle una famiglia di musicisti.

Si racconta Davide al pubblico curioso che gli rivolge domande per poterlo conoscere meglio.

Parla del suo amore per la musica inculcato dalla sua famiglia, dal padre batterista, ed è proprio la batteria il primo strumento che impara a suonare per poi prediligere e scegliere la chitarra ed il basso.
“Nasco come metallaro, ma a casa si è sempre ascoltato jazz, bossanova, musica di un certo livello”.

Forma la sua prima band nel 2002 i “The Niro” , che poi abbandona per intraprendere la via come cantautore, mantenendo il nome d’arte.
Parla del suo sogno di scrivere musica per film, e da questa concezione si può capire l’origine del nome “The Niro”, per omaggiare il cinema e soprattutto un grande del cinema americano Robert De Niro.

Racconta della sua avventura americana, quando è stato invitato dall’università di Boston per partecipare ad un tributo mondiale in onore di Elliott Smith e in Arizona unico italiano, per un interscambio musicale tra i cantanti americani e quelli di Parigi.
Un banco di prova che gli ha permesso di lanciarsi nel campo internazionale e di collaudare il suo inglese, per niente maccheronico.

Così Davide incomincia a calcare i palcoscenici internazionali aprendo i concerti di cantanti della portata di Carmen Consoli a Londra, e in Italia dei Deep Purple e Amy Winehouse.

Tutto questo è stato reso possibile grazie ai suoi produttore Gianluca Vaccaro e Roberto Procaccini che gli hanno lasciato carta bianca, al contrario di altri che volevano farlo cantare in italiano e lanciarlo come un Eros Ramazzotti.

L’unica cosa che possiamo augurargli che continui per la sua strada senza stravolgimenti e di non vederlo a Sanremo con una canzone strimpellata in lingua italiana e di non esser mai banale.

Anna deMarzo

Sito ufficiale dei Dynofighters con numerose news

Il sito ufficiale dei Dynofighters è sempre più importante per gli appassionati dei dinosauri combattenti.


Ad esempio è appena apparsa la notizia che, a grande richiesta, sono usciti i costumi dei Dynofighters. Infatti, da oggi sarà possibile acquistare e vestire la corazza dei personaggi dell'Isola di Xauron. I bambini e i ragazzi potranno così partecipare ad una festa in compagnia di Kentosaur, Colossaur e presto anche Neptusaurus, Archibator e Titansaur.

Navigando tre le informazioni si legge anche che presto saranno nelle edicole le pistole ad acqua originali dei Dynofighters, mentre è annunciata come imminente l'uscita (prevista per fine aprile) della prima serie dei tatuaggi.

Sul sito ufficiale non si trovano solo novità ma c'è anche la possibilità di interagire con il mondo dei Popoli di Xauron. Infatti, tutti i visitatori sono chiamati a partecipare al sondaggio per eleggere il personaggio più amato, dando un voto al proprio Dynofighters preferito.

Inoltre Mollusco & Balena e New Links, danno la possibilità di trovare facilmete tutte le informazioni necessarie ad ordinare la guidebook. Diventata praticamente introvabile nelle edicole, la guidebook permette di immergersi nel mondo dei Dynofighters e avere tutte le informazioni sulle caratteristiche dei personaggi e sulle alleanze tra i popoli che abitano l'Isola di Xauron.

...e non finisce qui: sul sito è descritto come fare per ricevere in omaggio il doppio maxi poster!


Non rimane che correre a digitare www.dynofighters.it ed immergersi nel preistorico mondo dei Dynofighters!

Don Chisciotte approda in Sardegna


“Don Chisciotte de La Mancha” regia di Stefano Artissunch

Teatro Civico – Alghero (SS) – 18 e 19 aprile 2008 – ore 21:00
Teatro Giuseppe Verdi – Sassari – 20 aprile 2008 – ore 21:00

Appuntamento da non perdere venerdì sera 18 aprile 2008 alle 21.00, nella stagione di prosa del Teatro Civico di Alghero. Per la regia di Stefano Artissunch sarà messo in scena il celebre Don Chisciotte de La Mancha, nuovo spettacolo prodotto da Teatro Ventidio Basso e Synergie Teatrali, in collaborazione con l’Amat. L’allestimento è stato rivisto dallo stesso Artissunch, che torna in patria dopo i successi registrati in giro per l’Italia.

«Con questo spettacolo porto in scena la follia -sottolinea Artissunch- intesa come modo di vedere con occhi nuovi il quotidiano e di agire fuori da ogni tracciato in piena autonomia, il mio protagonista è un’entusiasta della vita. Nella messa in scena ho mantenuto lo spirito tragicomico dell’opera concentrandomi sulla seconda parte del romanzo di Cervantes. Don Chisciotte è un fenomeno da baraccone che viene assunto per ridare lustro al locale d’avanspettacolo La Mancha».

Come nasce il tuo Don Chisciotte? «Quando ho deciso di mettere in scena questo classico il primo problema che ho dovuto affrontare è stato il testo perché ridurre 1.200 pagine di romanzo in un ora e trenta di spettacolo è una bella responsabilità!! L’idea dell’avanspettacolo e del cabaret come forma strutturale e scenografica mi ha facilitato sia la messa in scena che la scrittura. Gli attori sono stati stimolati ad una ricerca profonda dei loro personaggi partecipando alla scrittura definitiva del testo ed ognuno di loro ha sviluppato il proprio ruolo cogliendo l’intimità dei personaggi di Cervantes».

Che cosa ha Stefano Artissunch di Don Chisciotte? «La voglia di rompere gli schemi, di guardare oltre, di indignarsi di fronte alle sopraffazioni ed alle prevaricazioni. Al giorno d’oggi bisogna essere un po’come Don Chisciotte sempre in lotta anche quando sembra di combattere contro i mulini a vento».

Suggestiva la scenografia: «Mettete uno sfavillante locale d’avanspettacolo che sembra preso dalla sequenza di un film di Federico Fellini. Aggiungete un attore ritenuto pazzo che viene assunto come fenomeno da baraccone e una serie di situazioni al limite del paradossale, tra illusione e realtà, passato e presente. Questo è l’ambiente in cui si muove la piéce».

Stefano Artissunch è attore-regista algherese che è andato via dall’isola quando aveva 15 anni, come è oggi il suo rapporto con la Sardegna? «Innanzitutto sono andato via a 15 anni ma sono sempre tornato perché tutta la mia famiglia ed i miei amici più cari vivono ad Alghero. Nei miei spettacoli porto in scena l’isola che è dentro di me perché le radici sono state fondamentali nel mio lavoro. Ultimamente per ispirarmi ascolto canti sardi ed alcune ballate antiche forse per una maggiore aderenza alla mia identità isolana. Mi piacerebbe fare uno spettacolo che racconti o meglio che sappia raccontare una cultura così antica e così forte come quella sarda. Con orgoglio posso dire che ho messo nello spettacolo precedente al Don Chisciotte intitolato L’ERETICO come colonna sonora una Ave Maria in algherese non solo perché sarda ma perché è straordinariamente emozionante ascoltarla; con lo spettacolo L’ERETICO ho girato la scorsa estate nelle principali piazze italiane partecipando con successo al prestigioso Festival Internazionale di Anagni. I miei spettacoli sono a tinte forti un po’come la mia terra che regala forti emozioni grazie al suo straordinario paesaggio ed alla sua gente. Bella e misteriosa, la Sardegna per me racchiude ancora tesori mai aperti ed inesplorati, ultimamente sento l’esigenza di raccontare la sua liricità e la mia inquietudine è figlia di questa terra».

Nel cast, oltre allo stesso Artissunch, bravi attori quali Alessia Bedini, Piergiorgio Cinì, Stefano De Bernardin, Alessandro Marinelli, Gian Paolo Valentini.

Prossimi appuntamenti della compagnia Synergie Teatrali

- venerdì 18 aprile ore 21.00 al Teatro Civico di Alghero prima dello spettacolo “Don Chisciotte de La Mancha”

- sabato 19 aprile ore 11.00 matinée con gli studenti delle scuole medie di Alghero- sabato 19 aprile ore 21.00 al Teatro Civico di Alghero secondo appuntamento con lo spettacolo “Don Chisciotte de La Mancha”
- domenica 20 aprile ore 21.00 al Teatro G. Verdi di Sassari terzo appuntamento con lo spettacolo “Don Chisciotte de La Mancha”

Don Chisciotte de La Mancha 18 e 19 aprile 2008 ore 21.00Teatro CivicoPiazza Vittorio Emanuele, Alghero (SS)
Prevendite biglietti: DISCOFEVER, Largo S.Francesco 15 ALGHERO – Tel 079/9731057

Don Chisciotte de La Mancha 20 aprile 2008 ore 21.00Teatro G. Verdi
Via Politeama, Sassari (SS)
Prevendite: Ass. Teatrale Mab 0799941898 www.mabteatro.com

Foto su flickr http://www.flickr.com/photos/synergieteatrali/
Video propozionale su Youtube http://it.youtube.com/watch?v=a3MV5eMNTTA
Podcast Don Chisciotte http://www.synergieteatrali.com/podcast/promo-Don-Chisciotte.mp3

La compagnia: Synergie Teatrali è una compagnia professionale di promozione e ricerca teatrale. Il suo è un teatro sinergico che non si fa scrupoli di speculare tecniche o creare commistioni di vari generi di spettacolo per dare una forma nuova e dinamica al teatro.
web site: http://www.synergieteatrali.com

lunedì 14 aprile 2008

MyWeddy.it per organizzare il matrimonio perfetto!

ANTHOS e DinamoDEV lanciano il nuovo servizio online MyWeddy.it

MyWeddy consente di creare in pochi istanti una pagina web dedicata alle proprie nozze con le mappe interattive per raggiungere la chiesa, il banchetto, il negozio della lista di nozze.

Con MyWeddy sono sempre a portata di un click per ogni invitato i riferimenti e gli strumenti per calcolare il percorso migliore dal proprio punto di partenza ai luoghi del matrimonio.

Una organizzazione perfetta si vede anche dai dettagli!

Opensocial Hackaton: Ciaopeople partecipa come unico social network italiano

Dario Caregnato rappresenta Ciaopeople all’Hackaton di aprile 2008.

Ciaopeople, un’italiana a Londra. Il 6 Aprile 2008 Google ha organizzato un Hackathon (una hack-marathon) di un'intera giornata per il suo progetto Opensocial Foundation, l’organizzazione no-profit che promuove standard universali per lo sviluppo di applicazioni di social network. L'incontro si è svolto nella prestigiosa sede della British Telecom nel cuore della city di Londra.

Ciaopeople ha scelto di essere in prima linea, insieme agli altri grandi della rete: l'unica community italiana prese nte al convegno. A rappresentarla il suo application development manager Dario Caregnato.

La presenza di Ciaopeople all’Hackatonne ha confermato la volontà di aderire al protocollo Opensocial, per offrire ai propri utenti un'esperienza di navigazione ancora più semplice e ricca di servizi.

L'iniziativa di Google è stata inoltre un'opportunità preziosa per mettere alla prova la vision e il know-how di Ciaopeople in un'atmosfera rilassata ma professionale, e l’occasione per confrontarsi con professionisti di indiscusso valore e brand di successo internazionale.

La sorpresa è stata quella di scoprirsi l’unica Internet Company italiana presente all’evento e di constatare lo scarso interesse al confronto dei social network del nostro paese.

Durante la giornata alcuni esponenti dei maggiori network internazionali si sono confrontati sulle nuove possibilità off erte da Opensocial, sperimentando gli strumenti di cooperazione offerti dalla filosofia aperta e condivisa di Google.

Myspace, Orkut, Hi5, Xing, Netlog , Hyves, StudiVZ e la stessa Google, che fino ad oggi erano semplicemente competitors, pronti a lottare per difendere i propri utenti, oggi, grazie ad Opensocial, aderiscono ad un obiettivo comune e si preparano a rendere più fluida e ricca l'esperienza degli utenti.

Ciaopeople, alla vigilia del passaggio ad una piattaforma internazionale, si è unita ai più grandi social network del mondo, perché nel progetto Opensocial ha individuato uno strumento per crescere e contribuire al panorama internet globale e perché sa che i giganti mondiali del social networking, insieme, possono rivoluzionare internet.

Claudia Saputo
Press Office

domenica 13 aprile 2008

Pomezia: il 15 aprile si dona il sangue al 1° Reparto Volo Polizia di Stato

Wanted
Super ricercati donatori e volontari
Martedì 15 aprile
riparte la campagna donazioni sangue dell'ADVPS ONLUS
con un appuntamento
in via Pratica di Mare 45, Pomezia


presso
il 1° Reparto di Volo della Polizia di Stato



Dopo il grande successo del primo trimestre 2008, che ha visto la raccolta di oltre 200 sacche di sangue intero, l'Associazione Donatori e Volontari Personale Polizia di Stato (ADVPS) ONLUS, dà il via ad una nuova campagna di donazione sangue che si terrà nei mesi di aprile e maggio e prevede cinque appuntamenti.
La campagna non è finalizzata solo alla raccolta del sangue, ma anche a sensibilizzare la popolazione sull'importanza di questo nobile gesto. Il primo appuntamento in calendario è per martedì 15 aprile a Pomezia, in via Pratica di Mare, 45, presso il 1° Reparto di Volo della Polizia di Stato, dove dalle 8 alle 12 personale specializzato accoglierà i volontari che si recheranno a donare il sangue.
L'invito, come sempre, è rivolto a tutti i cittadini in buona salute e di età compresa tra i 18 e i 65 anni, il cui peso corporeo non sia inferiore ai 50 Kg.

La mattina del prelievo ricordiamo che è necessario presentarsi a digiuno; è possibile bere un caffè, un the o un succo di frutta, ma non ingerire latte né cibi solidi.Il prelievo non dura più di 15 minuti e consiste nella raccolta di una modesta quantità di sangue e viene utilizzato materiale rigorosamente sterile e monouso.Come sempre sul sangue donato verranno effettuati accurati ed approfonditi esami, che verranno inviati anonimamente presso l’indirizzo fornito dal donatore, garantendo anche un'azione di medicina preventiva. Il programma di donazioni sangue prosegue nelle settimane successive con altri quattro appuntamenti a Roma: lunedi 28 aprile in via Teofilo Patini 1, presso l'ufficio immigrazione della Questura di Roma, giovedi 8 maggio presso il Polo Anticrimine Tuscolano, in via Tuscolana 1558 (davanti agli studi cinematografici di Cinecittà), domenica 18 maggio in via Siria, 1, presso il Centro Nuoto Appio Latino e giovedi 29 maggio presso il Polo Investigativo Anagnina, in via Torre di Mezzavia 9 (Zona Centro Commerciale Anagnino)

Per maggiori informazioni: 3391136030 –
info@advps.comhttp://www.avps.com/

sabato 12 aprile 2008

Il clochard - Il commento dei lettori




Scheda del libro:

Autore: Nicola Amato
Titolo: Il clochard
Edito da: Il Melograno
Collana: Esperimenti
Prezzo: 12,90 Euro
Pagine: 176
ISBN: 978-88-6111-274-2




Una favola metropolitana che invita a riflettere sul senso della vita. La parabola discendente di un giovane imprenditore di successo mette in luce quanto siano effimere e transitorie le fortune terrene. La successiva lotta per la sopravvivenza e la sua esperienza da clochard pongono l'accento sui veri valori dell'esistenza. Un romanzo carico di speranza, analizza con grande sensibilità la condizione dei senzatetto ed invita alla solidarietà.
Miriam Mastrovito

Mi piace questo barbone: è un personaggio che starebbe bene anche in una fiction televisiva. Ce n'è per la puntata che mostra la sua capacità di risolvere enigmi polizieschi come se fosse il tenente Colombo; quella durante la quale si addentra nei segreti dei computer alla stregua di un esperto hacker, e poi c'è l'episodio dedicato ai cavilli legali che lui conosce come un avvocato professionista. Ma, soprattutto, c'è il messaggio di fondo: il denaro non da la felicità. Giovanni, il clochard, ha la capacità di accettare il suo destino senza arrabbiarsi. Assimilando i principi di tante filosofie orientali secondo cui niente succede per caso e che solo la volontà può veramente trasformare la realtà.
Paolo Federici

Ottimo libro scritto in modo eccellente. Ci da un a visione di come realmente è la vita del clochard. Ci parla di speranza e di integrazione e ci aiuta a capire che nessuno è esente da responsabilità e che dare un piccolo aiuto a chi è in difficoltà può fare la differenza tra trovarsi in mezzo a una strada o il riuscire a risalire dal fondo. Consigliato!
Cristina Barcella

Nicola Amato affronta con abilità e convinzione uno dei temi più “scomodi” per la nostra società, quello cioè dei “clochard”, o più comunemente noti come “barboni”. Racconta, con stile scorrevole ed avvincente, la storia di un uomo toccato dal potere che precipita negli abissi della sua esistenza, costretto a vivere, per l’appunto, come un clochard, senza un tetto né alcun mezzo di sostentamento. Ma proprio questa vita fatta di lotte quotidiane per la sopravvivenza, lo aiuterà a comprendere il vero significato dell’esistenza che non deve essere guidata dal potere del denaro, bensì dai sentimenti e dall’animo. Un libro che invoglia a proseguire la lettura, mai noioso o scontato e che conduce vivacemente il lettore sino al gran finale, che vedrà il protagonista “sulla via del riscatto sociale e della redenzione umana”.
Indubbiamente uno dei libri migliori che io abbia mai letto.
Complimenti sinceri all’autore.
Paola De Pizzol

venerdì 11 aprile 2008

5 X 1000 = 97308750583 UN AIUTO CONCRETO PER AIUTARCI AD AIUTARE CHI HA BISOGNO DI SANGUE


Anche quest'anno, grazie alla scelta di destinare il proprio 5 X Mille dell’IRPEF all'ADVPS ONLUS è possibile sostenere concretamente l'attività dell'associazione e contribuire alla realizzazione dei progetti tesi a far cresce le donazioni di sangue e aiutare chi ha bisogno di sangue, un elemento vitale che non si compra, non si fabbrica, ma si può solo donare.


Come ogni anno i fondi raccolti serviranno a finanziare i progetti per diffondere la cultura della donazione del sangue. Da quest'anno inoltre chi sceglie di donare il proprio 5 X 1000 all'ADVPS ONLUS sosterrà anche un importante progetto, la realizzazione del BloodBox un’autoemoteca itinerante e interattiva di nuovissima generazione. Destinare il 5 per mille è solo un piccolo gesto che non costa nulla, ma che può servire, insieme a quello di altre persone che seguiranno lo stesso esempio, a dare un contributo, a realizzare qualcosa di molto importante.




Per destinare il 5 per mille all’ADVPS – ONLUS è semplicissimo basta firmare nel riquadro "sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale, delle associazioni riconosciute che operano nei settori di cui all’art.10,c.1 lett.a), del D.Lg. n.460 del 1997 e delle associazioni sportive dilettantistiche in possesso del riconoscimento ai fini sportivi" e trascrivere il seguente codice fiscale 97308750583 Per maggiori informazioni: 3391136030 –
info@advps.comwww.advps.com

Club Autori Italiani: grande successo per gli ebook

Oltre 100 adesioni per il nuovo Club della Bruno Editore che raccoglie gli autori di ebook in Italia

Roma - Da oggi chiunque può diventare un Autore affermato in Italia senza aspettare le lunghe trafile editoriali. La Bruno Editore ha lanciato l'iniziativa del Club Autori Italiani™, attraverso la quale ognuno potrà pubblicare senza alcun costo il proprio manuale in formato ebook.

I vantaggi offerti dal Club Autori Italiani sono molteplici: chi aderisce vedr&a grave; pubblicato il suo ebook nel prestigioso catalogo di Autostima.net, che ad oggi con oltre 500.000 visitatori al mese, è tra i primi 100 siti in Italia. Questo significa alta visibilità e autorevolezza, grazie anche alla possibilità di vedere pubblicati i propri articoli sul blog dell'azienda.

Anche il guadagno economico per l'autore è elevato: i diritti sono del 30% su tutte le vendite e del 60% sulle vendite realizzate dall'autore stesso. Quindi fino a 6 volte maggiori rispetto ai tradizionali diritti d'autore offerti dalle altre case editrici.

Come se non bastasse le vendite non avverranno solo online e solo in forma elettronica. Infatti come ci spiega Giacomo Bruno, presidente della Bruno Editore: "Assegneremo a ciascun ebook un Codice ISBN per renderlo visibile nel catalogo mondiale dei libri in commercio. Questo permetterà di rendere questi t esti disponibili a tutte le librerie, portando anche offline il nostro business e il nostro marchio. Le consegne degli ebook avverranno su una speciale chiave USB da noi realizzata e chiamata USB-BOOK™".

Se hai un'idea per realizzare un manuale pratico puoi proporla sul sito www.Autostima.net, nella sezione 'Pubblica il tuo ebook'.

Distribuzione comunicati stampa internet
Maleva srl
www.maleva.it/marketing/
fabrizio.pivari (at) maleva.it

CS

giovedì 10 aprile 2008

Bari - ‘Tra l’aratro e la radio’ un Max Gazzè con tanta voglia di cantare


Presentatosi alle 19.00 in punto alla Feltrinelli di Bari , il bassista romano,che sta promuovendo il suo ultimo album “Tra l’aratro e la radio” ha dichiarato che avrebbe cantato tre canzoni, per scaldare l’ambente per poi concedersi al pubblico e interloquire con loro.

Ma con il suo basso in mano ha iniziato a cantare canzoni non in scaletta ma quelle che il pubblico chiedevano a gran voce.

Ha iniziato con il brano “Siamo come siamo” , canzone che aveva scelto per andare a Sanremo ma che poi ha sostituito con “Il solito sesso”, seconda canzone presentata stasera dal suono swing e con un ritornello accattivante “ I Mostri”.

Non sono mancati i brani di album precedenti come “Il timido ubriaco”, “Ciao Valentina” per poi ritornare al suo ultimo lavoro con “Elogio alla sublime convivenza” e via via sempre in crescendo esaltando i presenti.

Ha spiegato l’origine del titolo del CD “Tra l’aratro e la radio” che li definisce come gli estremi simbolici del progresso avvenuto nell’arco di centro anni.

Ha iniziato a parlare di storia ma non come noi la conosciamo, perché per lui “il corso della storia è adesso”, perché ora siamo in grado di modificarla, ripulendola dal pensiero occidentale che ha imposto i suoi concetti alterandola, perché la storia che si è studiata per tanto tempo era scritta dai vincitori che l’hanno plasmata su misura.

Ma poi ha smesso di parlare per ritornare a cantare e far cantare il numeroso pubblico presente.

Max Gazzè ha interrotto un silenzio discografico perdurato quattro anni con questo lavoro che spazia dai suoni pop/ rock al jazz/swing, e con brani sempre molto accurati e mai inconsistenti, avvalendosi anche della chitarra della brava Carmen Consoli che lo ha accompagnato in alcuni brani e dalla voce di Marina Rey.




Track list :
1. L'evo dopo il medio
2. Il solito sesso
3. Siamo come siamo
4. L'ultimo cielo
5. Crisalide
6. Mostri
7. Elogio alla sublime convivenza
8. Camminando piano
9. Tornerai qui
10. Il mistero della polvere (così in cielo come in terra)
11. Vuoti a rendere

Anna deMarzo

Bari - ZIMERMAN, pianista magistrale


La Fondazione Petruzzelli ha avuto il grande merito ieri sera di avere invitato nella sua stagione 2008 uno dei più grandi pianisti viventi al mondo.

Krystian Zimerman con il suo garbo, la sua raffinatezza e signorilità ha calcato il palcoscenico del Teatro Kursaal Santa Lucia.
Pare che la scelta del teatro la abbia fatto lo stesso Zimerman, maniaco e perfezionista di pianoforti e di acustiche.
Nasce in Polonia da famiglia di musicisti ed avere il pianoforte in casa per lui bambino era come avere i giocattoli per gli altri bambini. Racconta che quando è entrato in una casa senza il pianoforte è rimasto stupito, credeva che avere il pianoforte in casa fosse normale e che tutte dovessero averne uno.

Nel 1975, a soli 18 anni, vince il Concorso Chopin di Varsavia e da allora entra nella storia e nel Parnaso dei pianisti, che si definiscono mostri sacri.
Il suo repertorio è vastissimo e innumerevoli le sue incisioni per le più grosse case discografiche, sceglie di non fare più di 50 concerti all'anno per suonare sempre al meglio e per stare a casa con i suoi figli. E' un pianista leggendario.
E' difficile dire quale compositore Zimerman ami di più; sicuramente ama la Partita in do minore BWV 826 di J. S. Bach.

Impressionante quello che le orecchie degli ascoltatori hanno potuto godere.
Un Bach rigoroso, cantabile, danzante, un pianismo eccezionale in cui si ascoltano tutte le voci, le risposte, i temi, tutti esposti secondo piani sonori definiti, secondo rilievi finemente cesellati. La dolcezza della Sarabanda, lo spirito ritmico del Rondeau e il vigore del Capriccio sono da ricordare.

A Bach è seguito il Beethoven dell' opera 111. Sarà un caso aver scelto due composizioni nella stessa tonalità di do minore? Pieno di forza il primo movimento, ma ricco di controllo e brio, l'Arietta in do maggiore ci ha portato nella stratosfera, nelle sfere celesti con sonorità trasparenti e diafane concludendosi nella pace e semplicità dell'accordo semplice di Do maggiore.

La seconda parte si è aperta con la Sonata K330 di Mozart, anch'essa nella tonalità di Do maggiore.
L'interpretazione mozartiana è stata magistrale, sembrava davvero un libretto di un'opera.
L'abilità delle attese nel fraseggio era come aspettare i cambi di atto all'interno di un'opera, veramente esaltante.
Ultima composizione le Variazioni su un tema popolare polacco op.10 di Karol Szymanowski.

In questa composizione è venuto a galla il virtuosismo infallibile di Zimerman, che ha una mano non eccessivamente grande, ma compatta, robusta, praticamente un fascio unico di muscoli.
Il pubblico lo ha applaudito senza sosta e Zimerman ha concesso un unico bis: due dei Quattro Pezzi op.119 di Brahms che erano previsti in programma.
Romanticismo delicato, arrendevole e innocente quello di Brahms, al limite della commozione.

Grazie a Krystian Zimerman e alla Fondazione Petruzzelli per aver regalato questa magnifica serata alla città di Bari.

Viviana Velardi

Bari - Grande successo, al Teatro Team, per riascoltare Massimo Ranieri in 'Canto perché non so … nuotare da 40anni'


Un grande successo, a Bari, al Teatro Team, per ascoltare Massimo Ranieri. “Canto perché non so … nuotare da 40anni”, Scritto da Gualtiero Peince e Massimo Ranieri, regia di Massimo Ranieri. Così “lo scugnizzo napoletano per eccellenza” ha inteso festeggiare con il pubblico pugliese per la seconda volta i suoi quarant’anni di splendida carriera.

Sul palco un’ Orchestra e un corpo di ballo tutto al femminile, ha accompagnato “l’artista partenopeo” in quest’ultimo esperimento canoro che lo ha già visto protagonista, con grande successo, nei più importanti teatri italiani.

Questo spettacolo rappresenta sicuramente la poliedricità e le straordinarie potenzialità artistiche di questo “grande” della canzone italiana. Dopo le esperienze televisive, teatrali e cinematografiche, Ranieri ha inteso rinnovarsi dando vita ad uno spettacolo che oltre a presentarlo come cantante, lo divulga al grande pubblico come showman e ballerino.

Ha riproposto con un briciolo di nostalgia le tappe più significative della sua carriera, riproponendo le canzoni più amate, per raccontarle di volta in volta, coinvolgendo il pubblico e rendendolo partecipe dei suoi ricordi più cari, legati soprattutto al quartiere Santa Lucia a Napoli dove come ironicamente racconta…… con la sua famiglia abitava “in un attico composto da una sola stanza” dove c’era un grande finestrone, il suo cinema personale, da lì vedeva il Vesuvio e i vaporetti passare e proprio li aveva persino visto affondare un veliero: altro che Titanic! E poi i ricordi dei primi esordi nel mondo della canzone, accompagnati da tanta voglia di riuscire e sicuramente da un pizzico di fortuna.

Questo tipo di spettacolo, già affrontato più volte, non è un’esperienza completamente nuova per Massimo Ranieri.
Al Teatro Team di Bari Ranieri, lungamente applaudito dal pubblico in sala, composto prevalentemente da una fascia di mezza età, ha reso una performance di se stesso e dei suoi maggiori successi.

Si sono riascoltati brani di Endrigo, Lauzi, Paoli, Battisi, Battiato … Il cielo in una stanza, Io che amo solo te, L’Istrione, Ti penso, Almeno tu nell’universo … e tanti altri piccoli grandi capolavori della canzone d’autore, tutti “riarrangiati” dalla voce classicheggiante di questo grande interprete della canzone italiana.. Ha saputo dare un abito rinnovato a canzoni intramontabili. Massimo Ranieri, reinterpretando tutti i suoi successi storici, da La voce nel silenzio, Erba di casa mia, Rose Rosse, Perdere l’amore ecc…., ha concluso la serata con l’intramontabile Reginella. Dopo la chiusura del sipario, ripetutamente reclamato dal pubblico, è riapparso con alcuni stralci dei suoi successi per congedare i suoi affezionatissimi spettatori.

E’ stato un concerto “molto dialogato”, nel corso del quale c’è stata anche la possibilità di apprezzare Massimo Ranieri non solo per le sue canzoni ma anche per le numerose doti umane che lo contraddistinguono. Molto bello e coinvolgente, nelle scenografie, il gioco di luci, drappeggi e pannelli colorati, che hanno pregevolmente reso l’atmosfera di ogni brano proposto.

Maria Caravella

L’11 ottobre del 1958 a Monte Vidon Corrado (AP) si spegneva, all’età di 64 anni, Osvaldo Licini, pittore di vibrante e visionaria poeticità che affascina come un’icona angelicata ricca di valenze simboliche. Artista che ha saputo ricondurre in un contesto europeo il richiamo fortissimo delle radici locali, della sua terra natale amata e sempre centrale nel suo percorso artistico da “errante” pittore europeo.

L’”Anno liciniano” dalle Marche viene celebrato con due eventi memorabili, la mostra monografica OSVALDO LICINI DALLE MARCHE ALL’EUROPA che si tiene presso il Polo Culturale di Sant’Agostino ricavato da uno splendido convento rinascimentale di Ascoli Piceno dal 18 aprile al 4 novembre 2008. Con questa esposizione si intende fare il punto sulla produzione pittorica del maestro piceno riunendo, oltre a quelli già presenti nella galleria Licini, circa sessanta dipinti provenienti da numerosi musei italiani e stranieri (tra cui Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Civico Museo d’Arte Contemporanea di Milano, Galleria d’Arte Moderna Ca’Pesaro, Galleria Civica d’Arte Moderna di Torino, Centre Georges Pompidou), da collezioni pubbliche e private, selezionati dai curatori della mostra Stefano Papetti, Elena Pontiggia ed Enrica Torelli Landini, che da anni dedicano i loro studi all’artista. Un totale di più di 100 opere, suddivise in base alle diverse fasi di produzione, per la prima volta riunite insieme, e in molti casi mai viste prima.

La seconda mostra dedicata all’artista, OSVALDO LICINI DA MONTE VIDON CORRADO. LA STAGIONE DEI PAESAGGI: I DIPINTI, I DISEGNI, L’EPISTOLARIO, che si tiene nel Centro Studi Osvaldo Licini di Monte Vidon Corrado dal 18 aprile al 4 novembre, porta l’attenzione soprattutto sul primo Licini e per la prima volta approfondisce anche temi affettivi e più privati che ebbero un riflesso culturale importante sulla sua opera. Si tratta di un’esposizione documentaria, fotografica e pittorica incentrata sulle opere di paesaggio, naturale e umano, realizzate dal Maestro soprattutto nel primo periodo della sua attività artistica, quello figurativo. Curatrici della mostra: Daniela Simoni, Elena Pontiggia ed Enrica Torelli Landini.
La stessa abitazione del pittore (nella quale si conservano due affreschi, le uniche due pitture parietali di Licini) sarà visitabile con guida e conterrà alcune ambientazioni ricostruite con fotografie e racconti d’epoca. Una sorta di casa-museo per ritrovare le tracce del suo lavoro, e magari scoprire risvolti inediti.

Cataloghi mostre
Osvaldo Licini, dalle Marche all’Europa, volume dell’omonima mostra monografica con cui si intende fare il punto sulla produzione pittorica del maestro piceno riunendo, oltre a quelli già presenti nella galleria Licini, circa sessanta dipinti provenienti da numerosi musei italiani e stranieri e da collezioni pubbliche e private.
Osvaldo Licini - La stagione del paesaggio porta l’attenzione dei lettori sull’attività dei primi anni del pittore – quella più prettamene figurativa – toccando, nei numerosi contributi critici, alcuni temi familiari e privati che ebbero un riflesso importante sulla sua opera.

Infoline:
Polo Culturale di Sant’Agostino Ascoli Piceno (AP)
Tel: 0736 248663
Biglietti: singolo intero:€ 8,00 - ridotto € 5,00
Vernissage: 18 aprile 2008 ore 11:00

Centro Studi Osvaldo Licini Monte Vidon Corrado (AP)
Corso Garibaldi 3 (63020)
Tel: 0734.759348 - 719518
Biglietti: singolo intero:€ 6,00 - ridotto € 4,00
Vernissage: 18 aprile 2008 ore 18:00

Per maggiori informazioni: OsvaldoLicini.net

Giochi cellulare: che passione

chi vuol esser milionario gioco cellulare scarica gratisChi non ha mai ammazzato il tempo giocando ad un gioco cellulare java o symbian con il proprio cellulare?

Negli ultimi anni il mercato dei giochi sui cellulari ha conosciuto una crescita vertiginosa.

Nel corso del 2005 oltre 380 milioni di utenti hanno scaricato a pagamento almeno un gioco sul proprio telefonino e si prevede che questo numero sia destinato a crescere in modo progressivo fino a raggiungere quota 1,7 miliardi nel 2010 per un giro di affari che sfiorerà i 6 miliardi di dollari (mentre il mercato delle suonerie sembra destinato a tramontare).

Si tratta dunque di cifre molto interessanti, che fanno gola alle software house impegnate nella realizzazione di videogame Java. Al momento sono quattro le case che si sono accaparrate una cospicua fetta di mercato: EA Mobile (con il 27,4%), Namco (8,0%) i-Play (6,9%) e Gameloft (6,7%).

Una spina nel fianco del mercato dei giochi per cellulare è rappresentata dalla neonata Playyoo (raggiungibile all'indirizzo http://www.playyoo.com/), una community dove chiunque può creare, condividere o semplicemente scaricare giochi gratis per cellulare.

I giochi vengono realizzati in Flash, quindi per poter creare un gioco Flash bosogna avere una buona conoscenza di questo linguaggio.

Una volta creato e caricato sul sito il nostro gioco cellulare sarà sottoposto al giudizio degli altri utenti che potranno dargli un voto, da ciu scaturirà la classifica dei migliori giochi per cellulare.

Sul sito si oraganizzano in continuazione gare ed eventi per premiare (con premi in denaro) i creatori dei migliori giochi cellulare (i più scaricati sul sito).

Per terminare, i giochi presenti su Playyoo, non avranno la grafica ed il successo di game mobile quali chi vuol essere milionario gioco cellulare o il Gioco cellulare Simpson, ma sono comunque belli graficamente e divertenti da giocare.


Alberto di giochi cellulare

VUOI SCOPRIRE COSA DICE IL LINGUAGGIO DEL CORPO ?

VUOI SCOPRIRE COSA DICE IL LINGUAGGIO DEL CORPO ?
SEMINARIO A SALERNO IL 25 OTTOBRE - A FIANO ROMANO 11 OTTOBRE- 2009

Vorresti recuperare i tuoi crediti direttamente dalla tua azienda?

Vorresti recuperare i tuoi crediti direttamente dalla tua azienda?
Clicca sulla foto per conoscre la soluzione

Collabora anche tu nel dare alla caccia agli ORRORI DI COMUNICAZIONE

Collabora anche tu nel dare alla caccia agli ORRORI  DI COMUNICAZIONE
Clicca sulla foto per sapere come fare

Archivio blog